Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Nuova Zelanda, arrivano le indicazioni geografiche

La Nuova Zelanda sta per riconoscere 18 delle sue regioni vinicole come indicazioni geografiche ufficiali. Il relativo decreto, in gestazione da anni, ha subito una accelerata da quando è scoppiato tempo addietro lo scandalo di una casa vinicola locale che ha esportato migliaia di bottiglie con etichette intenzionalmente errate per quanto riguarda varietà, annata e origine del vino. Da qui la decisione di introdurre il concetto di indicazione geografica in modo da proteggere il nome di una zona vinicola nel suo utilizzo. Restano però notevoli le differenze con le Dop o le Igp europee: per la Nuova Zelanda una indicazione geografica è un semplice riconoscimento della zona di origine ma non impone nessuna regolamentazione nelle tecniche di coltura, nella resa o nella vinificazione. Le 18 zone vinicole in questione sono: Waipara Valley, Northland, Auckland, Matakana, Kumeu, Waiheke Island, Gisborne, Hawke’s Bay, Central Hawke’s Bay, Wairarapa, Gladstone, Martinborough, Nelson, Marlborough, Canterbury, North Canterbury, Waitaki Valley North Otago, Central Otago.