Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Il vino argentino perde un po’ di terreno

Per la prima volta in quasi dieci anni le esportazioni di vino argentino imbottigliato sono in diminuzione e nei primi dieci mesi di quest’anno il calo è stato del 2,7% in volume. Il fatto si spiega con l’elevata inflazione che colpisce l’Argentina da alcuni anni (25-30% annui) che si somma con il forte deprezzamento della moneta locale, il peso argentino, nei confronti del dollaro, la moneta utilizzata di fatto negli interscambi commerciali.

I costi interni per la produzione quindi schizzano verso l’alto incontrollati: in dodici mesi il prezzo del vetro (in dollari) è cresciuto del 17%, le uve del 30%, i carburanti ben oltre il 30% e l’unico rimedio fin qui adottato dai produttori argentini è quello di rialzare i prezzi di vendita perdendo così competitività sui mercati internazionali.

L’impatto sulle esportazioni non è però identico per tutte le destinazioni. I mercati europei ne hanno risentito maggiormente, mentre gli Stati Uniti vanno un po’ meglio, grazie al cresciuto interesse per tutti i vini del nuovo mondo, argentini compresi. Non rimane che guardare alla Cina, in forza della crescita delle vendite in atto, da 5 milioni di dollari nel primo semestre 2010 a 7,2 nel pari periodo del 2011.