Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Prime previsioni vendemmiali in Europa

La vendemmia 2013 in Italia è iniziata mediamente con una decina di giorni di ritardo rispetto all’anno passato, a causa di un clima meno caldo e con forti escursioni termiche. Vi è un discreto ottimismo tra i viticoltori, al punto da dimenticare la vendemmia avara dello scorso anno e prevedere una produzione attorno ai 42 milioni di hl, più in linea quindi con la vendemmia del 2011.

In Francia la produzione invece è stimata essere poco meno di 45 milioni di hl, abbastanza vicino alla media degli scorsi anni eccetto, anche qui, la vendemmia 2012 assai ridotta. I vigneti godono per il momento di un buon rifornimento idrico, grazie alle numerose piogge primaverili, e di alte temperature, tranne qualche grandinata localmente disastrosa.

Produzione in aumento anche in Spagna, dove la primavera passata, fresca e di lunga durata, e una estate calda ha visto crescere una uva ben matura, con un elevato livello aromatico. La prospettiva di una produzione di buona qualità è pertanto condivisa dalla totalità dei produttori spagnoli, i cui vigneti sono stati in genere risparmiati dalla grandine e dalle malattie crittogamiche.