Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Usa, un identikit dell’acquirente di vino online

Sposato, con più di 40 anni e un reddito superiore a 150.000 dollari e in più interessato ai vini di qualità. È l’identikit di chi fa acquisti di vino online negli Stati Uniti, così come emerge da un recente studio della California Polytechnic State University (Cal Poly). Gli acquisti di vino online rappresentano ancora una piccola frazione del totale delle vendite di vino negli Stati Uniti, dal 2 al 5%, ma questo canale di vendita presenta validi potenziali di crescita, anche perché un numero crescente di tutti gli Stati che compongono gli Usa permette ora la vendita diretta ai consumatori senza intermediari.

Particolare attenzione viene rivolta nella ricerca californiana alla cosiddetta Millennial generation, quelli cioè nati dal 1977 al 1999, che invece sembrano non molto propensi agli acquisti online nonostante la loro confidenza con la tecnologia e l’uso del computer. La ragione è da ricercarsi, affermano i ricercatori della Cal Poly, nell’importanza per costoro di assaggiare il vino prima di comperarlo e preferire così quei momenti soggettivi ed esperienziali che precedono l’acquisto. Anche i costi di spedizione rappresenterebbero un ostacolo agli acquisti online per questa fascia di consumatori.