Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Investimenti esteri per il vino bulgaro

Nonostante la Bulgaria sia soltanto il decimo paese europeo produttore di vino, poco più di 1,2 milioni di hl, essa risulta sempre più interessante per gli investitori esteri. La agenzia di Stato bulgara per la vitivinicoltura (Bsaww) ha infatti annunciato che nei prossimi mesi verranno costruite undici nuove aziende vinicole nel sud del Paese grazie a capitali stranieri. Un basso costo del lavoro e l’opportunità di sperimentare nuove varietà di vite più resistenti alle malattie e alla siccità sono alcuni dei motivi che hanno portato alla scelta di investire nella viticoltura di Bulgaria.

L’export dei vini bulgari è di circa 500 mila hl, di cui la metà verso la Russia. Segue l’Ucraina, sebbene il conflitto militare in corso nel paese influenzerà negativamente la quantità esportata quest'anno. La Bsaww, poi, ha reso noto le previsioni della produzione vinicola del 2014, che dovrebbe segnare una significativa diminuzione a causa di una scarsa insolazione estiva.