Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Bilancio Oiv, focus sugli spumanti

In occasione del 37° congresso mondiale dell’Oiv, svoltosi a Mendoza (Argentina) dal 9 al 14 novembre scorso, il direttore generale dell’OIV, Jean-Marie Aurand, ha presentato il consueto bilancio generale sulla situazione vitivinicola mondiale. Con una riduzione del 6% rispetto all’anno precedente, la produzione mondiale di vino è stata quest’anno di 271 milioni di hl: la Francia ha prodotto 46,2 milioni di hl, l’Italia 44,4 e la Spagna 37. Il consumo mondiale di vino è invece di circa 243 milioni di hl, dove ormai il 39% viene consumato fuori Europa contro il 31% dell’anno 2000.

Ma quest’anno l’Oiv ha voluto prestare una attenzione speciale al mercato dei vini spumanti realizzando un focus apposito dal quale si legge che lo scorso anno la produzione mondiale di spumanti è stata di 17,6 milioni di hl, circa il 7% del totale del vino prodotto, con un aumento del 40% in dieci anni. Il consumo invece è cresciuto sempre in dieci anni del 30%, dai 11,8 milioni di hl del 2003 ai 15,4 del 2013. Per quanto riguarda l’export, questi è più che raddoppiato dal 2000 passando da 3,1 milioni di hl agli attuali 8,7. La crescita in valore però è stata più debole ma comunque positiva, da 2,3 miliardi di euro nel 200 a 4,3 nel 2013 il che va spiegato dalla crisi economica del 2008 e i suoi effetti sul consumo dei vini, in particolare per i prodotti di alta gamma (Champagne) a vantaggio di prodotti più abbordabili come Prosecco e Cava.